Monthly Archives: May 2015

Perchè non ho denunciato. #PerchéNonHoDenunciato

Ex UAGDC

Da VitaDaStreghe:

Oggi è il Denim Day, la giornata istituita 15 anni fa dall’associazione Peace Over Violence in risposta alla sentenza della Cassazione che in Italia assolse un uomo dallo stupro di una ragazza perché indossava un paio di jeans. E in questa giornata lanciamo la sfida di pubblicare articoli con lo stesso titolo: “Perché non ho denunciato” e cominciamo facendolo in prima persona sui blog del Corriere della sera,  Il Manifesto, Il fatto quotidianoLipperaturaLorella Zanardo. Hanno già aderito Rita Bencivenga e Anarkikka (che ha realizzato la vignetta).  

L’iniziativa è promossa da un gruppo di giornaliste che invitano tutte le altre, giornaliste e blogger, a fare proprio il titolo e l’immagine. E invita tutte le altre donne a raccontarsi rispondendo a: #PerchéNonHoDenunciato

[…]

Aspettavo l’occasione di scrivere un post parlando della mia brutta esperienza e sul perchè…

View original post 482 more words

Stracci sporchi

Lunanuvola's Blog

Isaia 64:6 (cito a memoria, so che ci sono traduzioni leggermente differenti ma il senso resta quello)

Siamo tutti diventati come una cosa impura,

tutta la nostra giustizia come stracci sporchi;

avizziamo tutti come foglie,

e le nostre iniquità ci portano via come il vento.

straccio

Il Cardinale – Segretario di Stato Pietro Parolin è “molto triste” e lo fa sapere a tutti i giornali: il referendum irlandese che ha sancito la legalità dei matrimoni fra persone dello stesso sesso è “una sconfitta dell’umanità” e di fronte a quest’orrido scenario la chiesa cattolica deve “veramente fare di tutto per difendere, tutelare e promuovere la famiglia”. Ma prima forse, signor Parolin, è meglio sincerarsi di essere adeguati a tale scopo e legittimati dai portatori di interesse primario. La mia famiglia non vuole essere “difesa” ne’ da lei ne’ dai suoi correligionari, ed in special modo NON da questi suoi “colleghi”:

19 gennaio…

View original post 807 more words

Febbre gialla

Lunanuvola's Blog

“Se tutte le donne in televisione hanno i capelli lisci, allora non c’è davvero posto per le donne che hanno altri tipi di capelli umani. Se tutte le donne in televisione sono chiare di pelle, come reagiscono le donne comuni a quest’immagine? Cosa siamo disposte a fare per cambiare noi stesse e rispondere a questo modello di “bellezza”?”

Ng’endo Mukii, giovane kenyota, si è risposta producendo “Yellow Fever” – “Febbre Gialla”, che costituisce la sua tesi al London’s Royal College of Art e che potete vedere qui (il video dura poco più di 6 minuti): https://vimeo.com/122574484

Il film esplora i modi in cui gli standard di bellezza ritratti nei mass media influenzano le donne, la percezione che la società ha di esse e il controllo sui loro corpi – in particolare sui corpi delle donne di colore: cercare di essere conformi ad un ideale impossibile ha l’effetto principale di renderle…

View original post 436 more words

Loro mi cercano ancora

UDI di Reggio Calabria

cop loro mi cercano ancora

“LORO MI CERCANO ANCORA” – MARIA STEFANELLI

LORO mi cercano ancora” è il titolo del libro – memoriale di Maria Stefanelli, vedova del boss della ‘ndrangheta Francesco Marando, oggi testimone di giustizia nel maxiprocesso denominato Minotauro, di cui in questi giorni si sta celebrando l’appello a Torino contro i presunti affiliati alla ‘ndrangheta radicatasi in Piemonte.

Dal 1998, anno in cui è entrata nel programma di protezione, gli uomini della famiglia del marito la cercano, per averli accusati di aver ucciso suo fratello e zio Antonino, per aver raccontato dei loro affari al Nord tra gli anni Settanta e Ottanta, e per averli fatti condannare. Vive in località protetta con la figlia. E’ a lei che si rivolge nel libro – scritto insieme alla giornalista Manuela Mareso del mensile “Narcomafie” – e le racconta, per la prima volta, tutta la sua storia.

“Attraverso le pagine di questa memoria – le scrive – hai…

View original post 834 more words

3 motivi per essere omofobo (lettera alle sentinelle)

LaPippaMentale

Dai, oggi buttiamoci sulla politica. Sapete  che io non mi schiero mai ma stavolta voglio. Bramo. Posso. In questa settimana di sentinelle in piedi.

Perché l’Irlanda ha legalizzato i matrimoni gay e io ho paura che anche l’Italia lo faccia. Ho paura che, passati quei 100-150 anni che ci servono come al solito per svegliarci e metterci a pari con la civiltà, a noi che siamo psicologicamente al confine col Terzo Mondo e regolarmente arriviamo dopo i fuochi, la spaghettata e la porchetta di mezzanotte, praticamente arriviamo per i cornetti, ci balugini in mente l’idea di legalizzare. E dico: no. Fermiamo questo scempio. Non voglio più vedere persone felici. Persone a cui sia riconosciuto un legame profondo e sincero che le rende fiere di essere quello che sono e complete, pur senza alcun vincolo psicologico e sociale imposto dalla società, col solo vincolo riconosciuto e civile del loro amore. Che orrore…

View original post 1,665 more words

Discutere con una femminista

Lunanuvola's Blog

Durante la discussione con una femminista ti accorgi di avere torto?

Dille che ha la puzza sotto il naso, è una maestrina, si gira le perle.

Dille che è sessualmente frustrata.

Dille che è una bigotta / una moralista.

Dille che è frigida.

Dille che è brutta, grassa, anoressica, pelosa, un cesso.

Dille che nessun uomo la vorrebbe mai.

Dille che è una lesbica, odiatrice di uomini e che avrebbe bisogno di scopare.

Dille che è solo gelosa.

Dille che è vecchia e per questo non capisce i trend attuali.

Falle una completa analisi “psicologica” per dimostrare che lei è una stronza fallita malata e tu DIO.

Dille che ha il complesso della vittima.

Gioca alle olimpiadi del vittimismo: se sei maschio vanno bene gli uomini friend-zonati, i papà separati e percentuali “ad cazzum” su violenze e stupri e affidamenti di minori; se sei femmina grida alla persecuzione sui tuoi…

View original post 240 more words

Gli uomini che comprano sesso: le loro parole

il ricciocorno schiattoso

Una traduzione da Men who buy sex: in their own words

spotopera di Giulio Frigo

Gli uomini che comprano donne e bambine per il sesso spesso non le considerano esseri umani. Lo sappiamo perché gli uomini stessi lo dicono apertamente, come risulta dalle ricerche e dalla lettura dei siti web dedicati ai clienti, dove forniscono dettagli e classificano i “servizi” delle donne che acquistano. Questi siti mostrano il disprezzo che gli uomini provano per le donne che sfruttano.

Abbiamo raccolto un piccolo campione di citazioni da parte di uomini che comprano le donne. Emergono diversi temi:

1. Le donne che acquistano sono percepite come meri oggetti di gratificazione sessuale, meno che umane

“Andare con una prostituta è come bere una tazza di caffè – una volta che hai finito, il contenitore lo butti.”

“Mi trovo meglio quando le tratto peggio.”

 “Per l’amor di dio, donna … Voglio solo…

View original post 991 more words

Un appello per Sascha

il ricciocorno schiattoso

detenute

Dalla pagina facebook di Libbie Bouffon:

Sascha, una madre danese, è stata rinchiusa nella Prigione Ovest (Vestre Fængsel) a tempo indeterminato. La donna si è rifiutata di consegnare la figlia, Melissa, 4 anni, perché incontrasse il padre. Sascha è stata arrestata il 7 maggio e rimarrà in carcere fino a che non consegnerà la bambina.

Che io sappia, non è normale che i giudici danesi dispongano che le persone possano rimanere in carcere a tempo indeterminato. Tuttavia, l’Alta Corte ha confermato la sentenza.

Dalla nascita della bambina nel 2011, Sascha ha speso una notevole quantità di tempo tra Amministrazione statale, Tribunali e Alta Corte. Ma tutte queste autorità le hanno negato la possibilità di presentare le prove delle violenze e delle minacce di rapimento subite, secondo il giornale locale di Hvidovre.

Sascha è in possesso di messaggi di testo del padre, che le scrive:

“Vedrai, stronza, quando riuscirò…

View original post 439 more words

#GenitoriFuoriDagliStereotipi: Bambina di 7 anni mette a tappeto gli stereotipi!

Bambole Spettinate Diavole del Focolare

Abbiamo ricevuto da Clelia, una nostra lettrice, un bellissimo racconto che mette in luce quanto gli stereotipi entrino presto nella vita dei bambini e delle bambine.  E di come una bimba di nemmeno 7 anni li abbia messi al tappeto!

*************

Sono mamma di due bambine, una ha quasi 7 anni e sta terminando la prima elementare e la piccola ne ha 3.

Non sono mai stata una persona amante “del gruppo”, non ho mai voluto qualcosa solo perché “ce l’avevano tutti” e sono stata abbastanza fortunata da avere genitori che mi hanno lasciata esprimere personalmente, senza mai negarmi niente perché non era “da femmina” né senza mai spingermi verso qualcosa solo perché “femminile”.

Insomma, per indole e per educazione, sono sempre stata una che si faceva i beati fatti suoi senza preoccuparsi troppo se fossero o non fossero in linea con le altrui aspettative.

Ammetto anche, però, che non…

View original post 612 more words

Furious about Furiosa: Misogynists are losing it over Charlize Theron’s starring role in Mad Max: Fury Road

we hunted the mammoth

Original poster for the 1979 Mad Max Original poster for the 1979 Mad Max

So you may have heard vague rumors that there’s a new Mad Max film coming out. You also may have heard that it stars Charlize Theron as a shaven-headed postapocalyptical badass named Furiosa alongside Tom Hardy as Mr. Max.

Well, the manly men of the Manospshere are having none of it. On the always terrible Return of Kings, the most-trafficked blog in the Manosphere, Youtube bloviator Aaron Clarey issues a clarion call to his fellow right-thinking men, urging them to

View original post 1,919 more words